MUSEO DEL RUGBY A PRATO

UN SUCCESSO DI PUBBLICO PER LA MOSTRA DEL RUGBY A PRATO Il Museo del Rugby - News Scritto da Il Museo del Rugby Lunedì 24 Settembre 2012 10:46 Con il saluto dell’Assessore allo Sport del Comune di Prato, Matteo Grazzini, si è chiusa ieri sera la mostra “Fango e Sudore, le Maglie del Rugby Mondiale”, esposizione di cimeli storici del rugby organizzata dall’Amministrazione Comunale e dal Museo del Rugby. Grande la soddisfazione del curatore del museo, Corrado Mattoccia, per il successo di pubblico e l’interesse suscitato non solo tra gli appassionati della pallovale ma anche tra i tanti pratesi incuriositi dalla novità di una mostra interamente dedicata al Rugby. 2.156 sono state, infatti, le presenze registrate nei dieci giorni d’esposizione presso la suggestiva cornice del Cassero Medievale: il numero più alto di visite registrato dal museo nel corso delle dieci esposizioni temporanee allestite lungo tutto lo Stivale dal 2007 ad oggi. “Associo ad ogni mostra un'emozione diversa” – spiega Corrado Mattoccia – “Qualcuna la ricordo per il luogo, altre per le persone che si ha l’opportunità di conoscere”. “Prato sarà un ricordo legato a tante cose, tutte insieme. In primo luogo alla magnifica sala espositiva, il Cassero Medioevale. Non saranno da meno i ricordi legati alle tantissime persone che hanno visitato la mostra e a coloro che mi hanno aiutato ad allestirla, in particolare Franco Cenobi, Marco Bertocchi e Maria Claudia Cavaliere. Ma sopratutto, e questo è un riconoscimento ufficiale che non sono abituato a fare, ringrazio Matteo Grazzini, presenza costante in questi dieci giorni, un amico che ha partecipato a tutte le iniziative del museo senza "fronzoli" politici e di ruolo. Grazie di cuore a nome mio, del Museo del Rugby e del popolo dei rugbysti”. La replica di Matteo Grazzini: “Intanto siamo noi a ringraziare perché il museo a Prato ha avuto una doppia funzione, quella di portare in Città la storia del rugby, di cui Prato ha bisogno perché guardiamo al futuro e per farlo abbiamo bisogno di guardarci dietro e capire cosa c’è stato prima di noi. In secondo luogo abbiamo fatto rivivere attraverso lo sport una parte storica della Città dando l’opportunità a molti pratesi di conoscere lo sport ma anche la storia di Prato”. Chiusa la dieci giorni pratese si guarda alle prossime iniziative del Museo del Rugby. In questi giorni sta prendendo forma una delle future esposizioni temporanee che porterà la collezione di maglie storiche a Firenze in occasione della settimana in cui si giocherà allo Stadio Franchi Italia – Australia che chiuderà il 24 novembre il trittico di match autunnali. Per conoscere tutte le iniziative invitiamo a visitare il sito web www.ilmuseodelrugby.it o la pagina facebook de Il Museo del Rugby. GUARDA IL VIDEO DELLA CHIUSURA DELLA MOSTRA In foto, da sx: Corrado Mattoccia, Maria Claudia Cavaliere, Marco Bertocci, Matteo Grazzini, Franco Cenobi. www.redblu.it