Giorgio ravasio

 

 

RICORDO DI  RAVASIO GIORGIO 

DETTO  " GINO "

E' PASSATO UN ANNO DALLA SCOMPARSA DI GINO RAVASIO LO VOGLIO RICORDARE PERCHE' TUTTI DOBBIAMO A LUI SE IL "RUGBY" A PRATO ESISTE , DAL 1958 AL 2013 SONO PASSATI BEN 55 ANNI GINO RAVASIO E' STATO IL PORTATORE DEL RUGBY ,IL PRIMO ORGANIZZATORE, IL PRIMO TIFOSO PER 50 ANNI , ...........GRAZIE GINO A ANCHE A NOME DI CHI TI HA DIMENTICATO E DI CHI NON TI HA CONOSCIUTO. L'AMICO DI SEMPRE FRANCO CENOBI

 

GIORGIO RAVASIO


Un ricordo:
"Giorgio Ravasio, nato a Bergamo, cala a  Prato  per motivi di lavoro,  giocatore di rugby a Bergamo  trova nel Cus Firenze la sponda giusta per continuare l'attvità rugbistica, forse la continua "transumanza " da Prato a Firenze lo convince a creare qualcosa a Prato  e con l'aiuto di Piero Cerrini ,giocatore del Cus Firenze, e di altri cussini cerca di trovare a Prato l'occasione e gli amici giusti per mettere insieme tanti giocatori per creare una squdra.Siamo agli inizi dell'anno 1958 , gli incontri più o meno informali avvengono in Piazza Mercatale a Prato nel magazzino "Sabo"oggi occupati dalla Farmacia Comunale, è qui che viene costituita la prima società di Rugby pratese  denominata  "SORCI VERDI", Giorgio Ravasio, per tutti  "Gino" è l'animatore, l'organizzatore  generale, trova anche un Presidente lombardo nella persona di Dario Colombi, ex olimpionico di bob Gino sarà per almeno 45 anni il "deus machina" del rugby pratese nella buona e nella cattiva sorte, è stato il primo e anche il il più rumoroso dei tifosi, il Suo incitamento vocale è sempre stato insostituibile e inconfondibile. Gino ha ricoperto tutti i ruoli, da giocatore-dirigente, da dirigente- accompagnatore ,ha segnato il campo ha puliito gli spogliatoi, ha fatto da segretario, ha mantenuto i rapporti con la federazione e con tutte le società italiane con le quali la Rugby Prato è venuta in contatto. La Sua passione e il Suo grande lavoro nella diffusione del Rugby a Prato hanno spinto (1968) l'amico e Presidente della Federezione Italiana Rugby,  Carlo Montano, a proporgli di costruire a Prato un campo sportivo per l'esclusivo esercizio del rugby , questo campo fu  costruito dal Comune di Prato ,anche con il contributo della FIR /Coni, e inagurato nell'anno 1974 è  giustamente intitolato alla memoria  di Carlo Montano. I risultati che il Rugby Pratese ha ottenuto sotto la super-guida di Gino Ravasio sono stati notevoli, il più importante è sicuramente quello di aver creato un movimento che ha generato nei 48 anni di attività un seguito notevole di cui, chi ne stà godendo ora i vantaggi forse non ne è cosciente! "Gino" ha ricevuto molti riconoscimenti ufficiali tra i più importanti gli ovali d'Oro per i trenta anni  nell'anno 1988 e Oro con Fronda (oltre 40 anni di attività rugbistica ininterrotta) nell'anno 2004.Giorgio "Gino" Ravasio è senza dubbio l'unico che può definirsisenza ombra di essere smentito il FONDATORE DEL MOVIMENTO RUGBISTICO DI PRATO.
Per 50 anni i contatti con Gino erano quotidiani, l'argomento: IL RUGBY!, poi ...siamo arrivati alla fine, ma chissà per quanti anni ancora  si parlerà quotidianamente di Giorgio "GINO" Ravasio
Ciao Gino!

Franco Cenobi

Gino è deceduto il 25/09/2012

G10Scan0207-03.jpg